E chi l’ha detto che lavorare è sempre noioso?

Dipende ovviamente dal tipo di lavoro, dalla persona che sei tu e soprattutto da che fatica scegli di fare per i prossimi 5, 10 anni… un conto è farla da ispirato ed un conto da disperato.

Partiamo…

Chiunque abbia un sogno da realizzare, il desiderio di avere più tempo ed una vita più sostenibile, una ricerca di maggior gratificazione nell’ambito lavorativo, una migliore gestione lavoro/famiglia e un miglior guadagno è un ottimo candidato al vero network marketing.

Se vuoi sapere cosa ne penso del network marketing, clicca qui.

Avere dei sogni, degli ideali permette di affrontare le fatiche, imprevisti ed ostacoli – che ce ne sono per tutti, nessuno escluso – con un’altra energia e vitalità.

Il punto è capire come volerli affrontare. È la risposta che abbiamo di fronte agli eventi a fare la differenza, non l’evento stesso. E quindi nell’ambito lavorativo, che scelta fai? O farai?

Cerchi un’alternativa al lavoro che non ti soddisfa o rinunci a realizzare i tuoi sogni?

Come dice Sebastiano Zanolli

“a scelte difficili corrispondono vite facili. A Scelte facili, vite difficili”

quindi forse è giunto il momento di dare ascolto a quella parte di noi che non urla ma bisbiglia, la parte più selvaggia che c’è in ognuno di noi. Quella che ci dice che dobbiamo arrivare a fare le cose che ci piacciono (non serve andare in pensione per concedersele, lo si può fare anche prima, quando si è nelle piene forze).

L’unica certezza: il cambiamento

Ambienti di lavoro vecchi e con modalità di lavoro troppo tradizionali, non riescono più a reggere l’impatto del cambiamento del mondo del lavoro. Gli esperti di economia dicono che i figli dei nostri figli faranno dei lavori che ad oggi non esistono ancora, perché tutto cambia e tutto si muove. Di fatto siamo in una società “liquida” che continua a cambiare.

E perché mai in questo processo inarrestabile, si rimane ancora attaccati al vecchio? Forse da una parte c’è la ricerca della sicurezza, ma dall’altra sempre persone non sono più disposte ad accontentarsi del primo lavoro, persone che non trovando più reciprocità, sono disposte a continuare a cercare e a darsi nuove opportunità lavorative.

Al giorno d’oggi, se teniamo un concetto di lavoro allargato e quindi non ci focalizziamo solo su quelli tradizionali, troviamo molte occasioni lavorative.

Ma il punto non è lavorare o meno. Il punto è che fatica scegli di fare? Cosa sei disposto a fare in vista dei tuoi prossimi 7 anni? Come ti vedi tra 10 anni?

Collabora con me

Cosa significa? Cosa comporta?

Inizio con il dire “se non si è disposti a fare qualcosa di diverso, quello che si ottiene sarà sempre la tua routine di sempre”. Avere un pizzico di follia, per intraprendere un nuovo percorso lavorativo apre porte nuove, percorsi che possono andare al di là della propria immaginazione.

Io sono partita da qui. Desiderosa di trovare un’alternativa al mio lavoro principale (non sopportavo più di subire silenziosamente le decisioni dall’alto, di lavorare a contatto con colleghi imposti), ho scelto di fare questo salto, contrariamente a tutti coloro che mi stavano vicini e che la pensavano in modo differente.

Apparentemente è stato un salto nel buio, ma alla fine è stato il mio migliore salto in ambito lavorativo.

Ho sempre apprezzato poter collaborare con persone proattive, la possibilità di poter trovare un ambiente di lavoro costruttivo in cui si è supportati e si aiuta gli altri, al giorno d’oggi, costituisce la nostra risorsa più grande.

La forza di un gruppo di persone che va nella stessa direzione è maggiore della somma dei singoli individui.

Può sembrare un’utopia trovarlo, ma in realtà non è così perché chi sceglie una propria attività libera, come quella del vero network marketing, permette di creare, giorno dopo giorno l’ambiente virtuoso che desidera.

È necessario unirsi, non per stare uniti, ma per fare qualcosa insieme.
(Goethe)

Collabora con me, con il Team Nice

Si dice che per diventare esperti in un settore bisogna lavorare almeno 10.000 ore. Ma bisogna anche essere disposti ad apprendere ed imparare. Come ogni lavoro nuovo, necessita di essere appreso ma anche di trovare qualcuno disposto a condividere i segreti del mestiere.

Ed è qui che subentro io.

Io formo, supporto le persone che entrano nel mio team Nice, affinché ognuna abbia i mezzi necessari per avviare la propria attività.

Non lascio indietro nessuno, proprio perché credo nella collaborazione tra persone che condividono lo stesso percorso e progetto. La relazione umana mi sta troppo a cuore, un valore per me vitale.

Chi collabora con me, cosa deve fare?

S’impara strada facendo e quindi essere disposta ad imparare, a farsi guidare fino a quando non si raggiungono conoscenze ed abilità che servono per muoversi in modo autonomo.

E dopo? Dopo si continua a lavorare insieme, nessuno viene lasciato solo, proprio perché il mentoring è un punto focale della nostra attività.

Essere costantemente supportati per crescere e salire di livello in maniera gratuita e sincera è un valore che al giorno d’oggi è un punto di forza.

In un clima leale e di stima e rispetto, non possono che venir fuori giornate lavorative come queste!


Le persone che lavorano insieme in una comunità forte con un obiettivo condiviso e uno scopo comune possono rendere possibile l’impossibile.
(Tom Vilsack)

Cosa aspetti? Parliamone!


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *